TamTam Technology assistive & monitoring. Tecnologia a servizio degli anziani

SINTESI

L’obiettivo generale del progetto Tam Tam è la creazione e l’applicazione di uno strumento di controllo remoto senza la presenza di una persona vicina alla persona anziana, in grado di monitorare il corso del suo stato psico-fisico.

I beneficiari del progetto sono gli anziani ma più in generale coloro che si trovano in uno stato di autosufficienza fragile.

Tam Tam rileva mediante un sistema di sensori installati in casa una serie di informazioni sullo stato e l’autonomia della persona controllata (in particolare, la realizzazione effettiva degli atti giornalieri dichiarati in precedenza dal soggetto).

Il verificarsi o meno di un atto o di un evento viene comunicato in remoto dal sistema ad uno staff che è in grado di adottare immediate soluzioni quali, ad esempio, attivare personale medico che, pur lavorando a distanza, è in grado comunque di procedere.

Il valore aggiunto del progetto è la realizzazione di un’applicazione client-server che permette:

di seguire discrezionalmente, ove necessario e senza una reale presenza fisica ritenuta per lo più invasiva, una persona che è in una condizione di autosufficienza fragile per rilevare quando un evento si verifica o non si verifica;

la scelta della migliore metodologia disponibile al momento per il supporto necessario, mediante le pratiche più idonee per la corretta gestione di qualsiasi emergenza

 

DESTINATARI

Appare sempre più emergente la necessità di aiutare più persone possibile senza invadere la loro sfera di riservatezza, garantendo un adeguato sostegno a tutti coloro che sperimentano questo bisogno senza distinzione di sesso, di discriminazione e di emarginazione.

Non solo gli anziani che vivono da soli hanno bisogno di essere sostenuti nella loro vita quotidiana, ma anche le famiglie che vivono con uno o entrambi i genitori anziani o con persone disabili hanno gli stessi problemi se queste ultime sono lasciate sole durante il giorno a causa di problemi di lavoro, la scuola dei figli o di altri impegni e, non ultimo, per problemi economici.

Lo strumento fornirà assistenza a persone che necessitano di supporto mediante monitoraggio remoto, superata la discriminazione e senza pregiudizio per ogni e qualsiasi condizione sociale, fornendo pari dignità ad ogni uomo e ad ogni donna. Pertanto è chiaro che il sistema può essere offerto a tutti gli strati sociali.

E’ facile immaginare una lunga lista di destinatari non solo nelle loro case ma anche nelle strutture di ricovero ed ospitalità nelle condizioni di vita più diverse.

Il sistema di monitoraggio rivela la situazione al momento in confronto con quella nota per prevedere e adottare soluzioni di supporto in tempo reale, non altrimenti proponibili in diverse condizioni.

La buona scuola. Siglato l’accordo di Parternariato fra l’IISS Giorgio Ambrosoli e la LOAD Onlus

LOAD Onlus ha iniziato una collaborazione formativa con l’Istituto di Istruzioni Secondarie Statali “Giorgio Ambrosoli” di Roma (http://www.iissambrosoli.gov.it), sulla base di un accordo di parternariato e di volontariato mirato alla organizzazione di stage in linea con la Legge 107/2015 “Alternanza Scuola-Lavoro”.

L’intento pienamente raggiunto è stato quello di unire in aula professionisti, manager, aziende e studenti tutti impegnati professionalmente e scolasticamente su materie tecniche tipiche anche della professione del geometra.

Unitamente a “case study” attinenti alla cultura del geometra, si è riunita la conoscenza scolastica con la vera applicazione lavorativa di professionisti ed imprenditori che operano nel mondo del lavoro del quale i giovani faranno parte.

Questa scelta innovativa consentirà ai futuri diplomati di porsi da subito all’attenzione delle aziende e trovare il posto di lavoro, obiettivo ambito da tutti ed oggi estremamente labile.

L’opportunità di consentire ai giovani di confrontarsi con le aziende ed i professionisti già a scuola, supplisce all’impossibilità dello studente di comprendere cosa il mondo del lavoro riserva, condizione che si ritiene indispensabile per la conclusione positiva dell’iter scolastico al fine di poter semplificare, per quanto possibile, l’ingresso nello scenario futuro post scolastico.

Non essendo possibile portare gli studenti nel mondo e sui luoghi del lavoro, la LOAD Onlus ha portato a scuola i dirigenti aziendali ed i professionisti che hanno ricoperto il ruolo di docenti nel progetto “Le Aziende vanno a Scuola”. Inserendo la struttura professionale o l’azienda all’interno dell’edificio scolastico si consente ai giovani di comprendere come le materie scolastiche trovino riscontro nel lavoro e come la cultura acquisita si adegui alle esigenze professionali.

Docenti

In particolare la gestione dei cantieri, la sicurezza sui luoghi di lavoro, le manutenzioni sugli immobili, la qualità e lo studio immobiliare, materie di formazione scolastica, trovano riscontro nel Project Management, nel Safety, nel Facility & Real Estate e nel Quality Assurance che, affrontati con strumenti moderni ed attuali come i software professionali messi a disposizione dai docenti, consentono ai giovani di essere da subito adeguati e competitivi.

La location è l’IISS pubblico Giorgio Ambrosoli che ha messo a disposizione un laboratorio nel quale la LOAD ha avviato dallo scorso febbraio 2016 uno stage formativo dal titolo “Le Aziende vanno a scuola” per gli studenti lavoratori del corso serale, i quali hanno trovato nel nuovo strumento didattico un incentivo supplementare per il completamento della loro formazione da far valere immediatamente nel proprio scenario professionale sul posto di lavoro.

Lo stage avente condivisione formativa scolastica con l’IISS Giorgio Ambrosoli, fornisce crediti formativi agli studenti frequentatori ed attestazione curriculare.

Studenti

La prima esperienza, basata su una durata di 40 ore che sarà ripetuta a partire dal prossimo ottobre 2016, terminerà il giorno 09/05/2016 con la consegna degli attestati ad ogni frequentatore e la premiazione dei migliori 5 studenti.